• +39 0499903934
  • info@seialtrove.it
  • Cerca

FLORILEGIO ERMETICO – OCEANI DI GIOIA

Il Florilegio Ermetico è una nuova Rubrica dell’Angolo di Hermes, che trova la propria Ragion d’Essere nella necessità di condividere momenti di ispirazione, profonda introspezione e saggezza ricavati dalle opere pubblicate a partire dalle trascrizioni delle lezioni, degli incontri e dei carteggi che Hermes,  la Guida del Centro Altrove, sviluppa con gli allievi tutti.
Una buna ed ispirata lettura a tutti voi dunque,
e Grazie

 

“È un Lavoro vostro aprirvi affinché la Conoscenza, la Luce e l’Amore riversino e irrorino la Sostanza del Corpo. Quanta poca Gioia c’è oggi nel Mondo! Questo è dovuto alla nostra chiusura, non di certo perché non ce ne sia. Ci sono oceani di Gioia, infiniti e vasti oceani d’Amore. Non lo possiamo vivere, chiusi come siamo, ristretti e pochi: bisogna destrutturarsi, aprirsi, concedersi, allargarsi, espandersi. […] Il Mondo va accettato com’è se si è abbastanza ampi e forti, tutto va preso dentro per essere poi trasformato e subliminato; transfigurato.”

Hermes, Tratto da “Orma dopo Orma – Voi siete Dei”, Dispensa di Lavoro del Gruppo Altrove
https://www.seialtrove.it/hermes-orma-dopo-orma/

COSXIENZA E CREAZIONE – 27 MAGGIO

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove.

27 maggio – Cosxienza e Creazione Amorevole

Guardate la legna che usiamo per riscaldarci. La tagliamo nel bosco, la sistemiamo, e la utilizziamo infine per bruciarla. La legna potrebbe essere usata anche per molti altri scopi, e di fatti la legna non si chiede per “cosa” viene utilizzata: potrebbero essere tanto scopi nobili quanto miserevoli. Lei di fatto si mette al nostro servizio.
Ogni cosa che ci viene donata dalla Natura e di cui noi ci serviamo si mette al nostro servizio, con disinteresse. Dunque se ci poniamo in armonia con la Natura, e ci prodighiamo per imitarla, significa che ci relazioniamo con qualcosa che già è divino, e connettendoci con essa ci ricolleghiamo ad un aspetto da cui, per ignoranza, ci eravamo staccati a causa dell’uso errato della mente, che viene comunemente utilizzata non come strumento ma come momento identificativo tra voi e il pensiero ordinario.

LE REGOLE 2/2 – 8 MARZO

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove

Lezione martedì 8 Marzo – Le Regole

(…Continua)
2° parte
La maestria è che impariate a trascendere le regole, contenerle con qualcosa di più ampio perché se vivete nei sentimenti “umani” non potrete mai sviluppare un Sentimento Superiore.
Se viviamo cristallizzati in queste regole andremo a sviluppare continue ripetizioni, ripetizioni di esperienze di papà e mamma, fratello o sorella, comunità e società. Il primo atto che si deve fare è accettare che queste regole sono un nostro limite, cercando per come possiamo di fare del nostro meglio per non sottostare ancora a queste leggi meccaniche che ci fanno ripetere costantemente “DO” – “RE” – “MI”, “DO” – “RE” – “MI” (mostra il simbolo dell’Archèrgon disegnato sulla parete), una cacofonia simile ad un disco rotto.

LE REGOLE 1/2 – 8 MARZO

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove

Lezione martedì 8 Marzo – Le Regole

1° parte
Prendete un pezzo di formaggio da stagionare. Vedrete che ci mette almeno quattro mesi prima di asciugarsi e cambiare massa costitutiva, questo per mutare la costituzione molecolare. Anche voi, sapete, per maturare e stagionare avete dei tempi. La stagionatura è portare la trasformazione sul corpo, se non si riesce a portare sul corpo lo sviluppo di questo Lavoro che facciamo non si fissa nulla del tutto poiché resta eterico,  rimane nel sottile, evanescente, e risulta un processo che di sicuro dona consapevolezza, ma nei fatti, nella vita concreta, resta vano.

RITORNO ED ENTROPIA – 4 MARZO

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove

4 marzo 2016 – Entropia e dissipazione

La forma di percezione con cui comunemente tutti voi conoscevate le cose, oramai non è più sufficiente. Non basta più. Questa forma di percezione si sviluppa attraverso la vostra identificazione con un “io” che conosce (il soggetto dell’atto cognitivo) e l’oggetto della conoscenza, che è all’esterno di esso. C’è separazione. Questo aspetto sviluppa solo una conoscenza mentale.

IL FARO – 12 FEBBRAIO

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove

Venerdi 12 febbraio – IL FARO

“Dov’eravate e dove siete ora?”

Questa è la domanda che vi potreste porre.
Potreste chiedervi se lo strumento che viene qui sviluppato e che vi viene donato come strumento possibile, sia efficace, se abbia portato a dei risultati. E quali risultati vi ha portato? Anche questa domanda può esservi utile.

LA FIDUCIA 2/2 – 22 GENNAIO

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove.

venerdi 22 Gennaio – LA FIDUCIA

(…Continua)
2° parte
In cosa avete vissuto fin ora dunque?
Nell’illusione. Ripetete qualcosa che già è stato, agganciandovi ad un contenitore che vi informa.
Se voi non accettate che la vostra vita fin ora è stata una illusione, farete una fatica enorme a morire a ciò che è stato per rinascere a qualcosa di nuovo, perchè vi ostinerete a ritenere che ci sia qualcosa da salvare, da portarvi dietro, che qualcosa sia stato reale e autentico, quando non è così. Naturalmente non sto parlando della vita organica, ma dei rapporti che avete instaurato con le persone. Sto parlando quindi a livello vitale e mentale.

LA FIDUCIA 1/2 – 22 GENNAIO

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove.

venerdi 22 Gennaio – LA FIDUCIA

1° parte
La paura di sbagliare che alcuni di voi nutrono nell’approcciarsi alle esperienze diventa un grosso limite perchè vi fa rimanere dove siete, non permette un superamento, ossia non permette l’ evoluzione di una data situazione attuale. Nascondersi dietro alla paura è rimanere schiavi della paura stessa, che non fa agire. La paura di sbagliare non fa fare esperienza.

ACCETTARE IL NON ESSERE – 9 OTTOBRE

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove

Avete accettato il vostro non essere?

Se dite di averlo realizzato, ma non accettato, non avete realizzato proprio niente. Semmai lo avete riconosciuto, questo si, milioni di volte. Realizzare il proprio non-essere, e quindi accettarlo, significa farlo morire coscientemente.

Mi è arrivato un libro qualche giorno fa, di una donna che per qualche tempo fu allieva di Krishnamurti. È una raccolta di esperienze fattive, solo pratiche, attraverso le quali ha realizzato degli studi molto interessanti sull’ arte del morire vivendo.

AUTOSSERVAZIONE E ASCOLTO – 2 OTTOBRE

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove

L’immobilità che vi sento spesso nominare, si può definire, per ora, assenza di risposta.
Per il momento la vostra non è ancora immobilità, è limitazione della risposta. Un tempo reagivate alla vita, alle situazioni, ossia rispondevate meccanicamente, elaboravate ciò che vi accadeva secondo le vostre abitudini e quindi azionavate meccanicamente una risposta abitudinaria. Una re-azione. Ora riuscite a limitare queste re-azioni perché riuscite a stare un po’ di più in ascolto. L’immobilità si differenzia dalla limitazione della risposta poiché l’immobilità è trasparenza, è farsi attraversare dalle Forze che ci vengono veicolate addosso. L’immobilità permette questo e permette anche il contrario, ossia scegliere di accedere ad una Forza Superiore qualora serva. Dà quindi modo di poter scegliere cosa ci serve in quel momento.

FUOCO ALCHEMICO – 25 SETTEMBRE

Testo redatto dalla fedele trascrizione dell’incontro tenuto da Hermes con gli allievi del Centro Altrove

images
Qual è la Forza che porta avanti questo Lavoro? Qual è la Forza che mi e ci sostiene? È l’Amore,  ragazzi. Cos’è l’Amore? L’Amore è Fuoco, è Eros.
Per fare un esempio, la nostra pressione sanguigna è proprio questo: Amore che ci scorre dentro, Fuoco interiore, che se compresso (quando comprimiamo le nostre emozioni, i nostri sentimenti) costringe il cuore a pompare di più per poterlo far circolare, e così si alza la pressione sanguigna. Il nostro amico Eraclito parlava di un Fiume di Fuoco che informa tutto, che scorre incessantemente, che vivifica tutto.

SCHIAVI – 18 SETTEMBRE

18 Settembre

SCHIAVI SENZA PATRIAservo e padrone

File di schiavi moderni si accalcano ogni giorno per correre in ufficio, in fabbrica o al negozio del quartiere.
File e file di automi contemporanei sfilano per le autostrade, corrono veloci per le tangenziali per arrivare all’ ora giusta a lavoro. Schiavi moderni senza catene. Infilati come perle in un filo invisibile che li tiene uniti e ben saldi al gioco succube del potere. Schiavi convinti di lavorare per la ricchezza, il buon “tenore” di vita che è sicurezza, ma che invece vendono il loro tempo per la povertà d’animo, l’ottusità della vita che è solo sopravvivenza. Schiavi di successo che sfilano in scatole nere con sempre più pollici, che siedono su poltrone sempre più ampie, che hanno gli uffici sempre più in alto, che viaggiano nel mondo senza più limiti restando di fatto in un vuoto contesto, in un nulla di fatto, mai paghi e mai pieni, vuoti contenitori persi nel buio e grigio scintillio dello sfarzo sociale che annebbia e vela la vita,

L’ANGOLO SI TRASFORMA A 360°

Care e Cari tutti,

come sapete bene, qui ad Altrove le cose procedono spedite. Sempre più Essenze popolano e animano questo Colle e questa Valle e sempre più Opere e più Creatività ci impegnano in un Fare tutto rivolto verso lo Scopo: Altrove.

In questo movimento creante potete trovare rinnovata la Rubrica “L’angolo di Hermes”, un nuovo spazio dedicato ai testi redatti dalle fedeli trascrizioni degli incontri tenuti da Hermes qui al Centro. Uno spazio che si amplia diventando un contenitore di orme che lasciano un segno indelebile sul sentiero della Vita. Proprio questo vuol essere la Rubrica “Orma dopo orma”: individuare, percorrere e trasmettere agli altri  una strada, un sentiero, una via possibile e realizzabile, che chiunque possa trovare ed intraprendere per avvicinarsi a se stesso.

FIGLI D’ALTROVE

 

Figli d’Altrove

Muta creazione di uomini veri Mute le gesta di esseri svegli

Piccole cose in grandi movimenti Urla di pace accolgono lesti

Animi irrequieti ancora funesti Pace d’amore che nulla chiese

Gioia del cuor che tutto comprese Vita di vita selva di rose

Bocciolo di canto espresso in prosa denota il soave oltre tutte le cose

Uomini e donne d’Altrove risuonano ora l’inno di gloria dell’attimo d’oro

Muta le gesta di umani veri Mute creazioni di donne riprese

CUORI D’ALTROVE

Cari tutti e care  tutte, eccoci qua. L’Angolo di Hermes, oltre alle ispirazioni poetiche che vi ha offerto in queste ultime pubblicazioni, torna ad ospitare alcune lettere dei suoi allievi… allievi alla scuola della Vita, anzi, dell’Esistenza. A voi la lettura.


Caro Hermes,
Ben tornato!
Da quanto emerge dalle poche righe relative all’esperienza che avete fatto e da come mi sentivo che sarebbe stata la vostra esperienza lì dove vi siete recati, sono certo che sia stata una visita ed una esperienza ricchissima, sono curioso di sentirne i contenuti!
Leggendo la mail che mi hai mandato la prima domanda che mi sorge è: perché la coscienza di superficie con le sue aurore ingannevoli, benché sia solo luce parziale, sembra tutto? Come mai il cammino di risveglio non è il percorso a cui l’umanità è per sua natura volta? o meglio: cos’è che lo impedisce su larga scala e perché? Parliamo di cronicità dell’ignoranza, ma come mai l’uomo cresce per tornare bambino e risvegliarsi alla vita quando potrebbe farlo fin da subito, fin dall’infanzia?
Queste alcune delle domande che mi assillano di tanto in tanto.

LA VIA DEL SILENZIO DIVINO

Ascolta il silenzio
Ascolta l’Acqua, il Vento, la Terra, l’Aria.
Ascolta i tuoi passi.
Ascolta la Vita che fluida scorre in te.
Nel silenzio accetti e comprendi.
Nel silenzio del Presente tutto accogli.
Il silenzio è il linguaggio dell’Amore.

ANIMO UMANO, ERRANTE DIVINO

Animo umano, errante divino.
Cosa tu cerchi?
Amori rinchiusi in mille domande,
tempestosi e poi quieti
danzano stanchi.
Idee luminose

ISPIRAZIONI POETICHE D’ALTROVE

Mare di ossa, fogli caduti da parole stanche.
Cenere nera determini i fuochi passati.
Come le stagioni si susseguono in cicli,
uniforme la vita determina i Fati.

EQUINOZIO. COLORI D’AUTUNNO

smoky_by_f3rd4-d48exagColori d’autunno.

Percorrendo la fascia zodiacale, il Sole attraversa ogni anno i quattro punti cardinali chiamati equinozi e solstizi. Il 21 (il 23 per alcuni) settembre ha luogo l’Equinozio d’autunno (dal latino aequus, uguale, e nox, notte). Il Sole a partire da oggi entra nel segno della Bilancia, dando così inizio a un nuovo ciclo stagionale, giustappunto l’autunno, che prepara e guida la Natura verso il meritato riposo immobile, bianco e puro dell’inverno.

In questo ciclo stagionale la Natura si veste di nuovi colori: le foglie si infiammano d’oro lucente, di arancio, marrone e rosso. I frutti cadono dagli alberi, abbandonano i loro involucri, mentre i semi vengono selezionati e separati per essere consumati o conservati; più tardi, dopo il congelamento invernale essi saranno piantati nella terra affinché il ciclo inarrestabile della Vita

SADHANA: OLTRE LA FILOSOFIA (FATTIVE ESPERIENZE)

CARO HERMES.

sono giunto al termine di questo lavoro, soddisfatto, nuovo e sopratutto piu aperto.
attualmente sto vivendo sensazioni che mai avrei pensato di vivere, cioè delle mancanze da parte di altrove, a volte mi sento vuoto, senza qualcosa di concreto da sviluppare all’istante, senza l’appoggio della natura che mi dava la forza per proseguire.
comunque, la cosa più eccezionale è che sono qua’ con milioni di idee pronte per essere sviluppate.
ti confesso che appena tornato a casa la paranoia del mal di schiena si è ampliata tantissimo e stavo andando proprio in fibrillazione, MA! appena l’ho riconosciuta l’ho fatta voltare e mi sono messo faccia a faccia, ci ho parlato, le ho dato un nome, e pian piano è svanita, lasciandomi la forza per proseguire alla realizzazione di grandi cose.

CARO HERMES…

Dopo un po’ di tempo dall’ultima volta (ma esiste realmente, poi, il tempo?) torniamo ad aggiornare L’Angolo di Hermes proponendo alcune lettere elettroniche inviate dai membri di Altrove, frutto della condivisione dell’esperienza intensiva iniziata l’8 aprile scorso, che vede l’interazione costante tra di noi per sei giorni a settimana.


Caro Hermes,
la settimana che si è conclusa è stata molto pregna di esperienza fattiva e quindi di conoscenza di me e degli altri. Ho compreso, in parte, cosa voglia dire l’impegno della sadhana, della vita in comune all’interno, fuori dal mondo esterno e dal suo brusio di cui il rumore della mente è il corrispettivo. Ho percepito la differenza tra l’essere ad Altrove tutto il giorno e il dovermi recare al lavoro al mattino, ma anche la contentezza dell’aiuto divino nel poter svolgere il mio lavoro senza recarmi in ufficio. Ho percepito la durezza della terra, la durezza degli attrezzi, la durezza e la fatica di molti lavori… la durezza di me, così indurito perché finora ho chiuso anziché aprire, seppur nella convinzione, illusoria, di non aver mai chiuso porte o finestre.

… UNA SPLENDIDA GIORNATA

Proseguiamo con il secondo appuntamento de L’Angolo di Hermes, la rubrica in cui i membri di Altrove condividono sul nostro sito le loro esperienze… Buona lettura!

Sorrisi per una splendida giornata. Un weekend molto bello per vedere dove siamo arrivati e cosa mostriamo alle persone che arrivano ad Altrove. Sai sotto sotto sono felice che Tobia sia stato con noi, anche se vedo quello che mi mostri, rimane sempre una parte di me che vorrebbe tutti al loro posto.. tutti contenti (se non c’è almeno per me manca una parte). Comprendo che ognuno ha un tempo per arrivare ma comunque nel vederlo lì con noi sono stata felice. Domenica ho avuto modo di toccare con mano ciò che trasmettiamo a chi per la prima volta entra da noi, e me l’hanno confermato.

IL TEMPO PASSA E NON ASPETTA NESSUNO…

Pubblichiamo di seguito il primo scritto dell’Angolo di Hermes, in cui i membri di Altrove condivideranno con chi ci osserva dalla nostra finestra sul mondo virtuale le loro esperienze di comprensione, fondate sulla vita… reale.


caro hermes.

il tempo passa ,non aspetta nessuno, se non siamo al passo rischiamo di rimanere indietro, ma da noi stessi.
il tempo ci trasforma, ci rivolta contro, e ci distrugge. resta solo a noi capire e scegliere come sfruttarlo al meglio,
c’è chi ha delle ambizioni, delle aspettative, o sopratutto dei sogni,
ma c’è chi sa gia chi diventerà.

12