• +39 0499903934
  • info@seialtrove.it
  • Cerca

UN NUOVO UMANESIMO

Puntata del 6 Novembre 2020

*

Un nuovo Umanesimo potrà sorgere dalle macerie umane dell’era tecnocratica, o moriremo di freddezza, nel “distanziamento sociale” dal Fuoco della nostra Anima?
Ne parliamo con Hermes, presidente e fondatore del Centro di Pedagogia Evoluta “Sei Altrove”.

Nella seconda parte della puntata (dal minuto 47:00), leggiamo uno scritto di Giuliano J. M. Kremmerz del 1910 sulla “neutralità perfetta” e il “perfetto equilibrio di noi stessi” [link articolo: https://www.seialtrove.it/la-neutralita-perfetta-dellhermes/].

INFEZIONE PLANETARIA E DISUMANIZZAZIONE

Puntata del 30 ottobre 2020

Parliamo della disumanizzazione dei rapporti interpersonali e dei mutamenti che stanno ridefinendo la società per mezzo delle nuove politiche sanitarie, attraverso la lettura di un articolo di Marcello Veneziani dal titolo “Infezione planetaria: ecco il mondo da schiavi che ci stanno preparando“… nonché della nostra esperienza di concretezza e riscoperta del “Vero” come antidoto al “totalitarismo delle solitudini”.

Dal minuto 79:00 inauguriamo attraverso una voce femminile la rubrica “Se l’Hermes parlasse

ALTRONAUTI: CONOSCERE IL MONDO DEI NOSTRI SOGNI

Gli Altronauti: puntata del 23 ottobre 2020 (Radio Cooperativa)

Dialogo con Daniela Colavitti sulla natura, la funzione e l’utilità delle nostre esperienze oniriche: cosa sono i sogni, quali diversi tipi di sogni possiamo esperire, e come i dettagli che il nostro inconscio ci rivela attraverso essi possono esserci di aiuto per conoscerci meglio, affrontare problematiche irrisolte e migliorare la nostra vita. Una dimensione apparentemente “fantastica”, eppure molto più simile alla realtà di quanto siamo abituati a credere…

Nella seconda parte della puntata (dal min. 48:30) leggiamo un articolo del dott. Sergio Segantini, intitolato «Comportamenti e dipendenze durante il lockdown».

DIALOGO SUL CAMBIAMENTO E LA NUOVA UMANITÀ

Gli Altronauti: puntata del 16 ottobre 2020 (Radio Cooperativa)

Attraverso la voce di Hermes e gli interventi degli ascoltatori, si parla della paura di morire e di come questa ci renda suscettibili alla manipolazione, radicandosi nelle nostre convinzioni ed abitudini, ma anche della necessità di una nuova connessione con il pianeta e della riscoperta del principio femminile in noi, per accedere alla sensibilità che spesso non ci permettiamo di esprimere.

MODELLI – LA CAPACITÀ IMITATIVA DELL’ESSERE UMANO

Gli Altronauti (Radio Cooperativa): puntata del 9 ottobre 2020

ALTRONAUTI: SEMINATORI DI FUTURO

Puntata del 2 Ottobre 2020

Considerazioni di Hermes e del Gruppo Altrove sull’esistenza e l’evoluzione in questa epoca di trasformazioni, transitando tra l’Amore e il potere, la «verità», le difficoltà quotidiane, l’egoismo come forma patologica, la necessità di edificare nuove relazioni e il ruolo del principio femminile nel mondo che verrà.

A PROPOSITO DI SALUTE PSICHICA COLLETTIVA ED EVOLUZIONE SOCIALE

Puntata del 25 settembre 2020

Attraverso un articolo del Dott. Bruno Zucca ispirato dagli eventi ‘pandemici’ del 2020, parliamo del legame profondo tra salute e psiche a livello individuale e sociale, della paura (non solo per il virus) come primo fattore di contagio psichico e della consapevolezza psichica collettiva del popolo italiano. In particolare, ci soffermiamo sull’immaturità emotiva, vera e propria epidemia di cui riscontriamo la causa nella debolezza del principio ‘maschile’, l’assenza della cui funzione

ATTRAVERSANDO LA PAURA DELL’IGNOTO

Puntata del 18 settembre 2020

«Il­ termine­ ignoto definisce ­ciò­ che ­non­ è­ conosciuto, ­non­ noto,­ di­ cui­ non si ­ha­ alcuna­ conoscenza­ o ­esperienza;­ indica­ anche­ l’addentrarsi ­in­ un­ territorio­ non­ identificato­ o­ non­ identificabile,­ oppure­ una­ persona­ sconosciuta,­ non­ identificata.­
Tutto­ ciò­ che­ in­ noi­ non­ è­ conosciuto,­ sperimentato­ o­ identificabile­ è quindi­ ignoto». (*)

Da questo spunto, grazie

CONDIZIONAMENTO COLLETTIVO E POSSIBILITÀ DI CAMBIARE

Gli Altronauti – puntata dell’11 Settembre 2020

«Per soffocare in anticipo ogni rivolta, non bisogna essere violenti. I metodi del genere di Hitler sono superati. Basta creare un condizionamento collettivo così potente che l’idea stessa di rivolta non verrà nemmeno più alla mente degli uomini».

Di questo condizionamento parliamo prendendo spunto da una riflessione di Gunther Anders scritta nel 1956 (da cui è tratta la citazione), e della necessità di conoscere se stessi e la propria natura come possibile antidoto e strumento di emancipazione.
A tal proposito, dal min. 50:55 a 1:00:06 proponiamo uno scritto di Hermes che inizia da una domanda essenziale: «È difficile cambiare?».

ALTRONAUTI: SALUTE, MALATTIA ED… EVOLUZIONE

Gli Altronauti – puntata del 4 settembre 2020

Lettura e commento dell’articolo “Crescita identitaria e forza immunitaria” a firma del dott. Bruno Zucca, medico omeopata, e di alcuni spunti tratti dagli scritti di Hermes: si parla di polarità salute-malattia, possibilità di crescita personale e rafforzamento immunitario anche attraverso le esperienze di malattia, somatizzazione dei pensieri e delle emozioni, e del sintomo come segnale di un problema profondo di cui prendere coscienza per emanciparci e “crescere”.

Gli argomenti sono trattati attraverso il punto di vista di una Pedagogia Evoluta, e soprattutto alla luce delle nuove norme sul distanziamento sociale e delle possibili conseguenze di questo nuovo paradigma nella modificazione dei rapporti umani.

LA MEDICINA… COME RELIGIONE?

Gli Altronauti – puntata del 28 agosto 2020

Attraverso un articolo del filosofo Giorgio Agamben e il dialogo che ne consegue con gli ascoltatori, si parla di “medicalizzazione” della vita e di adozione della medicina e delle sue nuove pratiche “cultuali” a nuovo paradigma “religioso“, soprattutto in tempi di “emergenza sanitaria“.

L’occasione si presta anche a trattare la paura della morte e il rapporto che abbiamo

DIALOGO SULL’UOMO N-UOVO E LA POLARITÀ

Gli Altronauti – puntata del 21 agosto 2020

Quando viviamo identificati soltanto in una delle due facce di una medaglia, la metà esclusa, seppure nascosta al nostro sguardo, non smette di esistere ma resta nell’ombra della nostra “in-cosxienza”, da cui ci condiziona (a nostra insaputa), divenendo spesso il riflesso di noi stessi proiettato sugli altri e il filtro attraverso cui vediamo la realtà.

Partendo da questa considerazione, si sviluppa uno scambio di opinioni ed esperienze con gli ascoltatori sulle polarità complementari e opposte della vita, le verità relative ed assolute, l’astrattezza delle speculazioni filosofiche e la materiale concretezza delle dinamiche umane.