• +39 0499903934
  • info@seialtrove.it
  • Cerca

Archivio dei tag Sei Altrove

IL CARNEVALE AD ALTROVE: IMMAGINI E PAROLE

 Il Gioco che supera la realtà

Un tocco carnevalesco di allegria e spontanea comunione.

Il Carnevale appena terminato è il periodo dell’anno in cui ci si permette di mettere fuori e di esibire una parte di sé di cui a volte ci si vergogna, che a volte nemmeno si conosce o che addirittura riteniamo il contrario della nostra personalità. Noi lo abbiamo festeggiato tutti insieme a Venezia (e dove se no?), e abbiamo scelto una tematica particolare, come potete vedere dalle foto. Mettersi nei panni di una maschera significa anche guardare il mondo con gli occhi dell’Archetipo che mettiamo in scena,  scoprendo cose di noi davvero interessanti. Forse con questa piccola verità possiamo provare in senso metaforico a  metterci nei panni degli altri, questo potrebbe aiutarci a ricordare che gli Altri sono molto spesso anche parti di noi, di  ognuno di noi, e non di rado, ma sempre. E a volte proprio quando ti sembra di diventare altro da te, stai in realtà, finalmente, portando alla luce il vero e autentico Te. Allora forse l’orgoglio non ci sarebbe più, sarebbe un generale che ha terminato il suo incarico e sereno può finalmente andarsi a riposare.

IMG_8970  IMG_8953

  IMG_8888IMG_8923

L’ORGOGLIO

Nel notiziario da Altrove di questo mese, abbiamo parlato di libertà di Essere, per questo Notiziario ci siamo chiesti: cosa la limita realmente? Ossia, cosa ci limita nel mondo reale, pone dei limiti al nostro agire e al nostro essere di tutti i giorni nel mondo? Spesso vediamo i limiti all’esterno, i limiti sono gli altri, l’altro, il limite è fuori, il limite è il mondo esterno, è il sistema, è la vita che è fatta così… siamo noi… siamo noi? Ma cosa dici? E se invece effettivamente fossimo noi il nostro limite? Se il mio limite fossi io, per come credo di essere, se mi credessi libero e invece non lo fossi affatto? Se io, se tu se noi, fossimo in realtà solo vittime di noi stessi? C’è qualcosa che a volte non ci fa porre questa domanda oppure, pur ponendocela, ci spinge ad archiviarla in un cassetto segreto di cui nascondere le chiavi… Questa cosa forse ha un nome, questo nome potrebbe essere: Orgoglio. L’orgoglio non ci fa ammettere gli errori, anche con noi stessi, l’orgoglio ci spinge lontano da noi stessi, fuori da noi stessi, ci fa credere di essere lì fuori, all’esterno, in balìa del bene e del male, delle scelte altrui a cui resistere, l’orgoglio ci pone in uno stato di guerra continua, sì, no, ragione torto giudizio, attacco difesa fuga… è stato lui…. è colpa sua….. che c’entro io?….. tu non mi capisci

Siete voi? Sei tu, che leggi, colui di cui parlo? O è…. l’Orgoglio?
A voi dunque: buona immersione, senza bombole naturalmente…….


Cos’è l’orgoglio?
è una domanda che non ci si fa spesso al giorno d’oggi, troppo preoccupati di continuare a correre per sopravvivere, per esprimere e difendere un senso di identità sempre più smarrito eppure sempre più brandito a difesa di ciò che riteniamo giusto, utile, vero… o molto spesso, semplicemente “nostro”. In questa nostra assenza, in cui la maschera sembra impadronirsi totalmente dell’attore, è difficile cogliere l’orgoglio. Possiamo farlo solo osservandoci, come fossimo esterni a noi stessi, e noi nostri comportamenti quotidiani vedere come questi siano mossi spesso dalla necessità di difendere qualcosa… vogliamo difendere un’abitudine, qualche volta un’opinione, un’idea, vogliamo addirittura difendere qualcun altro e più in generale vogliamo difendere ciò di cui siamo orgogliosi, per cui proviamo orgoglio. Ciò per cui ci battiamo il petto, come i nostri quasi parenti gorilla da cui secondo alcuni potremmo discendere. A volte difendersi è necessario e probabilmente lo è stato per molto tempo, nella nostra società, nel nostro pianeta. Non si tratta in questo caso di una difesa puramente fisica, come se nella Savana un leone ci aggredisse e dovessimo usare il fuoco notturno come unico espediente per tenerlo lontano. L’orgoglio è infatti una difesa più sottile, eppure allo stesso modo ci fa re-agire alla vita come se la nostra integrità esistenziale fosse intaccata da qualcosa di esterno. Mors tua vita mea, è il motto della società in cui viviamo. La tua morte è la mia vita. Così cedere di fronte all’orgoglio altrui equivale a sottomettersi, a farsi schiavi volontari. E spesso lo si fa, per necessità, in nome di uno scambio. In questo mondo, lo scambio è spesso economico, ma non solo. Altre volte invece non sopportiamo più la nostra arrendevolezza, la apparente debolezza che permette all’altro di sopraffarci, ed ecco… scatta l’Orgoglio. Sembrava non ci fosse, se ne fosse andato in vacanza o avesse addirittura disertato -che traditore!- la quotidiana chiamata alle armi. Invece, eccolo qua, a ricordarci che la nostra personalità è qualcosa che vale la pena di essere difeso, in qualsiasi circostanza, da qualsiasi attacco. È proprio questa difesa, di ciò che in fondo nemmeno ci appartiene, ossia la personalità, che costituisce l’orgoglio. Ma essere orgogliosi non significa solo “non cedere” di fronte al nemico, che in realtà è solo il nostro prossimo, una parte di noi che ci rispecchia qualcosa di noi stessi, come uno specchio. Si può essere orgogliosi di qualcuno o di qualcosa. Orgogliosi dei propri figli, dei propri genitori, della propria famiglia. Orgogliosi dei propri amici o conoscenti. Orgogliosi di ciò che si fa o si è riusciti a fare nella vita. Orgogliosi dell’appartenenza alla propria terra, al proprio popolo (una famiglia allargata). Orgogliosi di una appartenenza ideologica, politica, religiosa. Orgogliosi della propria squadra del cuore. Insomma, si può essere orgogliosi di se stessi, ma anche di tutto ciò che in un modo o nell’altro è direttamente o indirettamente riconducibile a noi, perché ne siamo padri o madri o perché ce ne crediamo figli. Siamo orgogliosi di tutto ciò che conferma l’idea che abbiamo di noi stessi, la maschera che ogni giorno guardiamo di fronte allo specchio. Ma lo stesso orgoglio, spesso ci impedisce di poter vedere che proprio quella immagine che noi vediamo riflessa all’esterno non è la reale immagine di noi stessi, non è il nostro vero volto. Questo è nascosto dalla nascita entro una maschera di ferro, privato del diritto divino a sedere sul proprio trono, e sostituito da un fratello gemello che sembra somigliarci molto e si spaccia per il reale sovrano, ma… non lo è. Del sovrano, non ha la regalità, la capacità di guida e di azione, la fermezza e al contempo la materna dolcezza, non ha la disciplina e al contempo l’obbedienza ad un Principio superiore da cui tutto emana e che tutto È e comprende. E il principale alleato di questo maldestro, forse mendace, sostituto al trono è il nostro personale Cardinale Richelieu, a cui possiamo dare il nome di… Orgoglio. L’Orgoglio, che fino ad oggi ci ha mantenuto in vita in questo mondo opulento di ambizioni e povero di genuine aspirazioni, spesso diventa un ostacolo. Perché difendere a spada tratta ciò che siamo è tanto necessario in guerra quanto di ostacolo nella reale guerra che anima e infiamma ognuno di noi. L’Orgoglio crea una barriera, una vera e propria linea Maginot, una Muraglia Cinese, contro l’Invasore esterno. Ma se questi fosse solo un riflesso di ciò che noi non vogliamo vedere di noi stessi? Se proprio in questo apparente scontro tra ciò che crediamo di essere e ciò che ci sembra l’opposto di noi vi fosse la condizione per far emergere il nostro Essere Vero, l’Essere che non indossa Maschere perché è l’Attore in grado di recitare qualsiasi copione, il regista dalla mille invettive, lo sceneggiatore di tutti i mondi possibili? Possiamo, allora, difenderci dalla parte più vera di noi stessi?
Possiamo seguire un Sovrano che ci indica la via di una falsa libertà per timore di una libertà che crediamo schiavitù?
Orgoglio è un sovrano che, notoriamente, fa più vittime della guerra. Perché senza di lui, la guerra non ci sarebbe.

UN SABATO CON AGHNI

Il 10 gennaio sarà nostro ospite Aghni, responsabile della comunità Il Germoglio di Vignola (Mo), che terrà un incontro volto ad una comprensione più profonda della natura umana. L’incontro si terrà presso la nostra sede di via della Busa, 12 a Luvigliano di Torreglia (Pd) ed avrà inizio alle 14.30.

Chi volesse partecipare, può contattarci all’indirizzo info@seialtrove.it oppure al 3357559061 (Hermes).

Opera di Aghni, artista poliedrico, guida e fondatore del Gruppo Germoglio (www.gruppogermoglio.it).

Opera di Aghni, artista poliedrico, guida e fondatore del Gruppo Germoglio (www.gruppogermoglio.it).

TEOSINTESI: TEMPERAMENTO, CARATTERE E PERSONALITÁ (22 NOVEMBRE 2014)

TEMPERAMENTO, CARATTERE E PERSONALITÁ

Il Lavoro si articola in tre fasi.  Si partirà dal Temperamento, che racchiude in sé la Sostanza e gli aspetti innati (doni e talenti dell’Anima) trasmessi geneticamente, non mediati dalla cultura ed espressione diretta di precise caratteristiche fisiche, emotive e psichiche. Passeremo al Carattere, che viene influenzato fortemente dall’ambiente, che esercita la sua influenza durante l’infanzia e l’adolescenza ed è quindi legato alla storia di ognuno e al patrimonio familiare e culturale acquisito durante lo sviluppo. Infine con la Personalità, che deriva dal latino persona, cioè “maschera dell’attore”, andremo a guardare l’immagine che diamo e che abbiamo di noi stessi, il volto con cui ci mostriamo, e che esprime o cela quanto avviene nel profondo. La personalità e le varie maschere che ne derivano, è il risultato del combinarsi di temperamento e carattere.

I termini “temperamento”, “carattere” e “personalità” sono entrati a far parte del linguaggio comune e spesso sono considerati come sinonimi. Inoltre, l’associazione tra questi termini e l’idea che siano qualcosa di immodificabile e innato (“sono fatto così: se uno nasce tondo non diventa quadrato” ) è molto stretta. In realtà i tre concetti si riferiscono a tre diverse dimensioni dell’essere umano che con la giusta predisposizione, una nuova apertura e muniti di un valido strumento, possono essere non solo modificati ma trasformati ed evoluti.  Uno strumento che nel  rendere chiari i meccanismi che si innescano nei diversi ambiti della vita di tutti i giorni, ci aiuta a sviluppare un rinnovato punto di vista che mette nuova luce sugli schemi emotivi maturati già dalla prima infanzia e che, nel tempo, determinano i conflitti che spesso procurano sofferenza e che in qualche modo siamo chiamati ad esperire ed affrontare.

Grazie al Lavoro proposto si vedrà che tutti questi movimenti, alla fine, risultano essere una ricerca disperata dell’ ”Essere”. La ricerca di un qualcosa che è andato perso o forse che abbiamo temporaneamente smarrito, una carenza, una carenza Ontica. In sintesi tutti i conflitti, le mancanze, le sofferenze e cosi via, sono determinati da un vuoto interiore che non essendo riconosciuto, viene vissuto come una ricerca compulsiva di esperienza che si traduce immancabilmente in quel mai abbastanza, quel mai essere totalmente soddisfatti e paghi. Questo movimento, comune alla maggior parte delle persone, determina un insofferenza di fondo che sospinge a cercare spesso all’esterno quella forma di pienezza e di Gioia che risulterà, solo dopo un Lavoro su se stessi, essere solo dentro di noi.

Buona immersione

Hermes

 

Inizio mattino ore 9.30 -13.00 Pomeriggio ore 15.00-18.00

Per il pranzo si potranno usufruire gli spazi aperti con colazione a sacco, oppure previa prenotazione consumare il pranzo presso la Trattoria da Giovanni a 5 minuti dalla sede.

Per info e costi telefonare a: Hermes 335.7559061; Dona 347.1169290; Japos 348.4946379.

GIORNATA APERTA (SABATO 25 OTTOBRE 2014)

Sabato 25 ottobre l’Associazione Sei Altrove – Terra di Mezzo apre le sue porte a tutti coloro che hanno voglia di trascorrere qualche ora a contatto con la Natura e condividere le proprie attività.

Inizio alle ore 9.30, con la possibilità di assistere dal vivo alla sintesi di un olio essenziale di nostra produzione (gli oli e gli idrolati si potranno anche testare liberamente).

In programma, una visita agli spazi dell’Associazione: l’orto bio-energetico, le coltivazioni di erbe aromatiche, il parco, il colle sede della Scuola Ambientale, con la possibilità di una passeggiata guidata. Alle ore 11.30 circa una pausa ristoro con i prodotti del nostro orto accompagnati da vini tipici della zona. Più tardi, per chi vorrà, un esperimento giocoso: provare a vedere “dove siamo” e “cosa rappresentiamo” con la lettura dei Tarocchi, archetipi esistenziali che traggono la loro origine dalla notte dei tempi. Neanche a dirlo, l’entrata è libera.

CARO HERMES…

Dopo un po’ di tempo dall’ultima volta (ma esiste realmente, poi, il tempo?) torniamo ad aggiornare L’Angolo di Hermes proponendo alcune lettere elettroniche inviate dai membri di Altrove, frutto della condivisione dell’esperienza intensiva iniziata l’8 aprile scorso, che vede l’interazione costante tra di noi per sei giorni a settimana.


Caro Hermes,
la settimana che si è conclusa è stata molto pregna di esperienza fattiva e quindi di conoscenza di me e degli altri. Ho compreso, in parte, cosa voglia dire l’impegno della sadhana, della vita in comune all’interno, fuori dal mondo esterno e dal suo brusio di cui il rumore della mente è il corrispettivo. Ho percepito la differenza tra l’essere ad Altrove tutto il giorno e il dovermi recare al lavoro al mattino, ma anche la contentezza dell’aiuto divino nel poter svolgere il mio lavoro senza recarmi in ufficio. Ho percepito la durezza della terra, la durezza degli attrezzi, la durezza e la fatica di molti lavori… la durezza di me, così indurito perché finora ho chiuso anziché aprire, seppur nella convinzione, illusoria, di non aver mai chiuso porte o finestre.

Olio Essenziale di Salvia

L’olio essenziale di Salvia è particolarmente indicato per l’espressività e la comunicazione. La sua efficacia aiuta a connettere le parti consapevoli dell’individuo con quelle più nascoste ed umbratili.
Adatto ai casi di esaurimento e depressione.
Se diffuso con brucia essenze, purifica l’ambiente energetico dalle vibrazioni dense e stantie.
Aumenta la disponibilità erotica, la fantasia e l’ispirazione, facilitando l’espressione in tutte le forme possibili della propria energia sessuale.

Gli Oli Essenziali creati ad Altrove sono ottenuti da piante officinali coltivate e trattate in loco secondo metodi naturali e bio-energetici. Non trattandosi di una produzione industriale su larga scala, il processo da cui si ottengono è innanzitutto qualitativo: spesso, da una grande quantità di fiori e foglie della pianta distillata possono derivare anche pochi millilitri di essenza, che qualitativamente contengono ed esprimono le migliori e più elevate informazioni che la pianta stessa ci dona… una vera Alchimia.

 

<< SALVIA: SCHEDA DELLE PROPRIETÀ >>

PREZZO  >> OLIO PURO: € 35 –> PER ACQUISTO OLIO PURO: CLICCA QUI

OLIO DILUITO OEBBD *: € 10 –> PER ACQUISTO OLIO DILUITO: COMPILARE IL MODULO CHE SEGUE

* Olio Essenziale Botanicamente e Biochimicamente Definito (per diluizione clicca qui)

Olio Essenziale di Rosmarino

L’olio essenziale di Rosmarino promuove la chiarezza mentale e le funzioni cognitive, agendo sulla dinamizzazione del corpo energetico, infondendo una maggiore capacità di comprensione oggettiva della realtà. Favorisce, per questo, l’attenzione e la concentrazione. Il suo utilizzo è prezioso nei momenti in cui la memoria è debole o quando è necessario rafforzarla. Adatto ai periodi di stress da studio. Dona particolare vigore psico-fisico ed è per questo indicato al mattino prima di affrontare la giornata. È uno stimolante sessuale, soprattutto per la virilità maschile per la quale agisce in casi di impotenza, ansia da prestazione o eiaculazione precoce.

Gli Oli Essenziali creati ad Altrove sono ottenuti da piante officinali coltivate e trattate in loco secondo metodi naturali e bio-energetici. Non trattandosi di una produzione industriale su larga scala, il processo da cui si ottengono è innanzitutto qualitativo: spesso, da una grande quantità di fiori e foglie della pianta distillata possono derivare anche pochi millilitri di essenza, che qualitativamente contengono ed esprimono le migliori e più elevate informazioni che la pianta stessa ci dona… una vera Alchimia.

 

<< ROSMARINO: SCHEDA DELLE PROPRIETÀ >>

PREZZO  >> OLIO PURO: € 35 –> PER ACQUISTO OLIO PURO: CLICCA QUI

OLIO DILUITO OEBBD *: € 10 –> PER ACQUISTO OLIO DILUITO: COMPILARE MODULO CHE SEGUE

* Olio Essenziale Botanicamente e Biochimicamente Definito (per diluizione clicca qui)

Olio essenziale di Menta

L’olio essenziale di Menta viene utilizzato principalmente per ciò che ha a che fare con la testa, le meningi e la parte superiore del collo. Inoltre, stimola l’intelletto ed favorisce la comunicazione. Distende e chiarifica l’attività mentale, donando limpidezza ai pensieri e migliorando l’attività psicologica. Rafforza le motivazioni individuali agendo sullo stomaco, agevolando la digestione e dunque esercitando la propria efficacia sul centro energetico della volontà. Alleggerisce e fluidifica le situazioni che si sono addensate e assopite. Induce un maggior grado di ottimismo e dispone positivamente verso gli altri. È particolarmente indicato in presenza di soggetti sonnolenti, svogliati, con difficoltà ad affrontare e “digerire” la vita. Utile al trattamento dello stress.

Gli Oli Essenziali creati ad Altrove sono ottenuti da piante officinali coltivate e trattate in loco secondo metodi naturali e bio-energetici. Non trattandosi di una produzione industriale su larga scala, il processo da cui si ottengono è innanzitutto qualitativo: spesso, da una grande quantità di fiori e foglie della pianta distillata possono derivare anche pochi millilitri di essenza, che qualitativamente contengono ed esprimono le migliori e più elevate informazioni che la pianta stessa ci dona… una vera Alchimia.

 

<< MENTA: SCHEDA DELLE PROPRIETÀ >>

PREZZO  >> OLIO PURO: € 35 –> PER ACQUISTO OLIO PURO: CLICCA QUI

OLIO DILUITO OEBBD *: € 10 –> PER ACQUISTO OLIO DILUITO: COMPILARE MODULO CHE SEGUE

* Olio Essenziale Botanicamente e Biochimicamente Definito (per diluizione clicca qui)

Olio Essenziale di Lavanda

L’olio essenziale di Lavanda è un lenitivo e calmante emozionale, e funge da distensivo e rilassante. Agisce su stati di malinconia, nervosismo, astenia nervosa, irrequietezza, insonnia ed ansia in generale. La Lavanda stimola il recupero del proprio equilibrio, favorisce la calma e la chiarezza e bilancia gli eccessi. Attenua il chiacchiericcio mentale. Agendo sul sistema nervoso, risulta utile in caso di stress da lavoro, irascibilità, esaurimento nervoso, isteria, attacchi di panico e traumi psicologici in genere. Aiuta ad addolcire caratteri impulsivi ed irruenti. Diffusa con brucia essenze nell’ambiente, aiuta ad appianare i contrasti presenti tra le persone, creando un’atmosfera energeticamente distesa. Attrae energie luminose favorevoli alla creazione di uno stato di equilibrio e pace.

Gli Oli Essenziali creati ad Altrove sono ottenuti da piante officinali coltivate e trattate in loco secondo metodi naturali e bio-energetici. Non trattandosi di una produzione industriale su larga scala, il processo da cui si ottengono è innanzitutto qualitativo: spesso, da una grande quantità di fiori e foglie della pianta distillata possono derivare anche pochi millilitri di essenza, che qualitativamente contengono ed esprimono le migliori e più elevate informazioni che la pianta stessa ci dona… una vera Alchimia.

 

<< LAVANDA: SCHEDA DELLE PROPRIETÀ >>

PREZZO  >> OLIO PURO: € 35 –> PER ACQUISTO OLIO PURO: CLICCA QUI

OLIO DILUITO OEBBD *: € 10 –> PER ACQUISTO OLIO DILUITO: COMPILARE MODULO CHE SEGUE

* Olio Essenziale Botanicamente e Biochimicamente Definito (per diluizione clicca qui)

IL RIFIUTO DEL MATERIALISTA

Con questo breve scritto, vi presentiamo il secondo episodio della rubrica  La Vita Divina, che prende il suo nome dall’opera omonima di Sri Aurobindo, valida ispirazione per un percorso di educazione integrale come quello che cerchiamo concretamente di fare ad Altrove (leggi qui il primo episodio).


Le due negazioni:
il rifiuto materialistico

Se lo Spirito si è involuto nella Materia, ne consegue che la Materia è una forma dello Spirito. Questi due termini — Materia e Spirito —, lungi dall’essere avversari inconciliabili, sono i due estremi dell’Essere; e, per giungere alla riconciliazione, occorre riconoscere una serie di termini ascendenti che li collegano: la Vita, la Mente, la Sopramente (e i vari piani intermedi).

Se invece affermiamo soltanto l’esistenza di un puro Spirito e di una Energia meccanica, chiamando l’uno Dio o Anima e l’altra Natura, il risultato inevitabile sarà che negheremo l’Anima, considerandola un’illusione dell’immaginazione (ed è il rifiuto del materialista), oppure ci alieneremo dalla Natura, considerandola un’illusione dei sensi (ed è il rifiuto dell’asceta). Ma in queste sterili contraddizioni la mente umana non può rimanere soddisfatta; essa cercherà sempre la riconciliazione degli opposti, cogliendo l’unità ultima senza negare l’energia del molteplice che la esprime.

… UNA SPLENDIDA GIORNATA

Proseguiamo con il secondo appuntamento de L’Angolo di Hermes, la rubrica in cui i membri di Altrove condividono sul nostro sito le loro esperienze… Buona lettura!

Sorrisi per una splendida giornata. Un weekend molto bello per vedere dove siamo arrivati e cosa mostriamo alle persone che arrivano ad Altrove. Sai sotto sotto sono felice che Tobia sia stato con noi, anche se vedo quello che mi mostri, rimane sempre una parte di me che vorrebbe tutti al loro posto.. tutti contenti (se non c’è almeno per me manca una parte). Comprendo che ognuno ha un tempo per arrivare ma comunque nel vederlo lì con noi sono stata felice. Domenica ho avuto modo di toccare con mano ciò che trasmettiamo a chi per la prima volta entra da noi, e me l’hanno confermato.